Navigatore: Mený testata | Area mený | Contenuto

Budointernational Home page

Banner Budomarket

Karate

 

Il Karate, che significa “modo cinese” per alcuni, “mano nuda” per altri, nasce nell'isola di Okinawa, durante il periodo di proibizionismo delle lotte armate, come un'arte marziale che oggi è praticata anche come disciplina sportiva.
La sua origine si deve probabilente alla mescolanza del Kung Fu con altre arti marziali, anche se la sua nascita vera e propria è ancora oggi sconosciuta. La sua sistemazione ufficiale si può far risalire tra il 1917 e il 1922 quando Gichin Funakoshi iniziò a dare in Giappone le prime dimostrazioni di Karate, dove poi divenne famoso in tutto il mondo grazie anche a Milos Costantana che nel 1957 introdusse nella pratica la competizione sportiva.
Agli inizi del secolo scorso si potevano osservare due tipi di Karate: quello di Okinawa, molto pesante e duro, ma lineare nell'attacco e circolare nella difesa; quello giapponese, stilizzato e meno duro.
L'esercizio per il Karate si basa prevalentemente sulla ripetizione continua di certe tecniche e di certe forme (i “Kata”) che costituiscono dei movimenti preordinati di difesa e di attacco che si possono combinare per sovrastare l'avversario.
I principali sotto-stili del Karate di Okinawa sono:

  • Uechi-Ryu;
  • Goyu-Ryu (lo stile deve la sua fama a Kanryo Higaonna, che importò dalla Cina otto forme. Il suo discepolo, Chojun Miyagi, nel 1930 istituì il Goyu-Ryu, nel quale le prese circolari si alternano a rapidi attacchi in successione);
  • Shorin-Ryu;
  • Hissin-Ryu.

I principali sotto-stili del Karate giapponesi sono:

  • Shotokan (istituito da Gichin Funakoshi nel 1938 lo shotokan è caratterizzato da tecniche lineari molto potenti e da posizioni molto salde);
  • Shito-Ryo (istituito nel 1928 da Kenwa Mabuni, allievo di Ankoh Itosu e Kanryo Higaonna, lo Shito-ryu si caratterizza per la potenza data nell’esecuzione del Kata);
  • Wado-Ryu (istituito nel 1939 da Hientori Otsuka è una combinazione dei movimenti del Ju-Jitsu e di tecniche di evasione).

Il Karate in Italia prende ufficialmente piede nel 1966 quando, ad un anno dalla nascita dell’Unione Europa di Karate, viene istituita a Roma la Federazione Italiana di Karate (FIK), che nel 1978 sarà fusa con la Federazione Sportiva Italiana Karate (FESIKA), diventando la Federazione Italiana Karate e Discipline Sportive (FIKDA), sotto il controllo della FILP. A cinque anni dalla prima edizione dei World Games di Karate, la FITAK sarà riconosciuta dal Congresso come l’associazione che risponde alle esigenze di chi vede il Karate come disciplina sportiva e chi si rifà all’insegnamento dei maestri giapponesi. Nel 1994 il Karate viene riconosciuto dalla Federazione Italiana Lotta Pesi Judo come quarto settore, divenendo FILPJK, e FILKAM nel 2002.

Ho"Stile

YouTube

BannerCentraleSuperkombat

BannerCentraleGrips

adidas

Segui Budointernational su Facebook

   © 2017 Budo Edizioni s.r.l. - P.Iva 12172810157  -  credits