Navigatore: Mený testata | Area mený | Contenuto

Budointernational Home page

Banner Budomarket

Muay Thai

 

Il Muay Thai o Thai Boxing è uno sport da combattimento che ha le sue origini nella Mae Mai Muay Thai, antica tecnica di lotta thailandese. La Mae Mai Muay Thai studia combattimenti sia con le armi che senza ed era utilizzata dai guerrieri thailandesi in guerra, sui campi di battagli siamesi, qualora avessero perso le armi, per continuare, quindi, a proteggere il popolo Tailandese. La Muay Thai, perciò, nasce per l’esigenza di proteggere il popolo dalle aggressioni nemiche. Per questo motivo si può supporre che gli allenamenti in passato erano molto duri e le tecniche trasmesse erano quelle che potevano migliorare le doti naturali di combattimento dell’atleta e renderlo invincibile, trascurando le tecniche dall’esecuzione più complessa.
In passato non erano assegnati mai stati essegnati gradi o cinture che identificavano la conoscenza delle tecniche di combattimento come nelle altre arti marziali. Questa filosofia d’insegnamento con il passare dei secoli ci ha reso testimoni della nascita di formidabili e micidiali combattenti e delle loro leggende, ma ci ha anche privato di molte tecniche che purtroppo sono andate perdute con il passare del tempo.
Con la diffusione in occidente della Muay Thai si è sentita l’esigenza di regolamentarla per offrire una conoscenza più ampia e per assicurare che le tecniche rimaste non siano smarrite nel tempo. Per fare questo vent’anni fa circa le tecniche della Thai furono divise in dodici gradi che prendono il nome di KAN. Gradi che hanno programmi ben precisi regolamentati dalla FIKB (Federazione Italiana Kickboxing, unica federazione per la Muay Thai riconosciuta in Italia dal CONI), che permettono una conoscenza delle tecniche molto approfondita e ampia andando a toccare tutti campi di combattimento (gomiti, ginocchia, calci, lotta, pugni).
Una volta decisi i Kan furono posti a una scrupolosa analisi dei maestri thai più bravi dell’epoca i quali presero una decisione che comportò un cambiamento dei Kan che da dodici divennero quindici. Furono scelti i cinque maestri più bravi e insigniti del mongkon dorato (XV Kan), i quali scelsero a loro volta venti maestri Thai che vennero insigniti con il mongkon d’argento (XIV kan). Mentre per tutti gli altri Kan basta sostenere un esame, per gli ultimi due non esistono esami ma si ottengono per anzianità. Mentre il XIII Kan si ottiene quando il maestro ritiene il praticante pronto per divulgare i sui insegnamenti e gli dona, quindi il mongkon.
Per distinguere i vari Kan fra loro sono stati introdotti i prajied e i mongkon di diverse colorazioni.
Il Muay Thai inizia a destare interesse nel 1584, sotto il Re Naressu, acquisendo nuove regole e strutturandosi come arte marziale. Successivamente Prachao Sua, ribattezzato “Re Tigre”, passò alla storia come il sovrano che riuscì ad essere il pugile più abile del suo regno, riuscendo a liberarsi da solo dalla prigionia in Birmania, dopo aver combattuto e vinto da solo contro dieci pugili di seguito. Nel corso della sua storia il Muay Thai divenne famoso in tutti gli strati sociali tailandesi. Durante il regno di Re Rama VI venne eretto il primo ring circondato da corde e iniziò a farsi uso del cronometro. Nel 1930 le tradizionali fasciature vennero sostituite da guanti da box moderni.
Dagli anni ’50 sono state aggiunte delle limitazioni alla tradizionale pratica del Muay Thai che oggi resta la principale disciplina nazionale della Tailandia ed è diventato sempre più famoso a livello internazionale.

Ho"Stile

YouTube

BannerCentraleSuperkombat

BannerCentraleGrips

adidas

Segui Budointernational su Facebook

   © 2017 Budo Edizioni s.r.l. - P.Iva 12172810157  -  credits