Navigatore: Mený testata | Area mený | Contenuto

Budointernational Home page

Banner Budomarket

Kali

 

Il Kali, conosciuto anche come Escrima (“Scherma”) o Eskrima è un antico sistema di combattimento filippino e prende anche il nome di Arnis de Mano, o ancora di Arte Marziale Filippina (FMA).
Le tecniche di base insegnate sono molto semplici e ad eddestramento ultimato prevede che il praticante riesca ad usare bastoni, coltelli ed altre armi da taglio, nonché, grazie ad allenamenti di questo tipo, riesca a combattete in modo efficace a mani nude.
La sua nascita si deve all'esigenza degli abitanti delle tribù indigene che, dovendo difendersi e avendo poco tempo a disposizione per allenarsi, effettuavano brevi addestramenti in modo da imparare solo le tecniche più semplici, che sono anche quelle che realmente possono essere usate con efficacia in battaglia. Questo permise loro, senza alcun addestramento militare, di potersi difendere da altre tribù o addirittura dall'aggressione di eserciti stranieri. A causa di questo primo approccio, l'Escrima può sembrare erroneamente un'arte marziale molto semplice da imparare.
Il primo contatto storico del mondo occidentale con l'Escrima si ha nell'epoca delle prime conquiste coloniali che seguirono alle esplorazioni dei "nuovi mondi" scoperti agli inizi del '500. Quando i “conquistadores” spagnoli arrivarono nelle Filippine, trovarono ad aspettarli tribù belligeranti che usavano armi tradizionali per difendersi. Ferdinando Magellano, in particolare, venne ucciso nella battaglia di Mactan del 1521 dal capotribù Lapu-Lapu, che fece uso di lance e di un grande scimitarra. Dopo la conquista, gli spagnoli bandirono l'arte marziale indigena (che però rimase nascosta nelle danze e nei rituali popolari) sostituendola con la scherma spagnola. Il Kali moderno risente ancora adesso dell'infuenza spagnola.
Molti studiosi ritengono che l'origine dell'Escrima si trovi nelle arti marziali indonesiane, che hanno le loro radici nel Kun Tao e nel Silat. Il Kun Tao (“Via del Pugno”) non è altro che una delle evoluzioni che ha avuto il Kung Fu, mentre il Silat deriva dai movimenti adottati dalle arti marziali della penisola indiana e dalla popolazione araba che si insediò in Indonesia verso il tredicesimo secolo.
La verità, così si può dire, sta nel mezzo. Gli innumerevoli stili delle arti marziali filippine hanno assorbito tecniche e schemi motori da qualsiasi arte marziale portata dai vari conquistatori approdati allle Filippine che si sono succeduti nel corso della storia: indiani, arabi, spagnoli (con accompagnamento di portoghesi ed italiani), americani, giapponesi.
Il Kali è ritenuta la migliore arte per imparare ad usare i coltelli e per difendersi da essi. Proprio per questa sua caratteristica è considerato un ottimo sistema di difesa adottato anche dai corpi militari americani (Navy Seals, S.W.A.T., ecc.).
I moderni metodi di allenamento tendono a curare meno le tecniche di piede e le posizioni basse del corpo soffermandosi sempre di più su tecniche dirette, maggiormente adatte ad essere imparate da chi non ha la possibilità di dedicare moltissimo tempo a queste discipline e che possono sembrare più efficaci, soprattutto in contesti in cui è richiesta una reazione immediata che non abbia avuto la necessità di anni e anni d'allenamento per essere acquisita.

Ho"Stile

YouTube

BannerCentraleSuperkombat

BannerCentraleGrips

adidas

Segui Budointernational su Facebook

   © 2017 Budo Edizioni s.r.l. - P.Iva 12172810157  -  credits